Questa è la Guerra non una guerra

La chiave di lettura di questo contesto storico è solo una, nessuna politica, nessuna finanza, nessun interesse personale ma un solo obbiettivo: la sottomissione e l’oppressione di popoli cancellando ogni traccia di libertà assuefacendoci ad una parziale possibilità di scelta e di movimento. La tecnica è quella di farci dimenticare come stavamo prima, toglierci ogni ricordo della normalità per come la conoscevamo diventando come topi in gabbia, per poi riaprire la stessa gabbia nel momento giusto, dopo che quella condizione sarà diventata per noi la normalità. Il gesto di liberarci dalla schiavitù intellettuale, fisica e spirituale sarà visto come il nuovo avvento, ci sarà infatti il nuovo messia liberatore, il quale risolverà tutti i problemi, l’Anticristo.

Egli sarà osannato e venerato come il nuovo Salvatore del mondo. Finalmente (per lui), seppur limitato nel tempo, vedrà il suo più grande desiderio realizzato ovvero essere amato al posto di Dio portando con se milioni di anime alla perdizione eterna. Questo evento, i Massoni e i Satanisti lo stanno preparando da secoli, dominano ogni centro nevralgico del nostro pianeta, ricoprono ogni settore dalla Politica alla Musica, dalle Televisioni alle Banche, dalla Religione alle associazioni non governative, lo hanno fatto sotto i nostri occhi dandoci dei giocattolini per distrarci come le Arene moderne (calcio, basket, pallavolo ecc..), i videogame, internet, i cellulari e tutto quello che è servito per indebolire le nostre difese spirituali fino ad annientarle in molti casi, per poi agire indisturbati. I segnali ci sono sempre stati e ben visibili ma solo pochi gli hanno saputi interpretare, siamo in una guerra senza precedenti ed è la guerra più pericolosa perché in gioco c’è la salvezza dell’anima di ciascuno.

Questa battaglia la si combatte solo in un unico modo, con la preghiera del Rosario, del totale affidamento al Cuore Immacolato di Maria ed alla Santa Eucarestia come Don Bosco descrive bene nel suo sogno profetico. Non vi è più tempo per astenersi (se mai ce ne fosse stato), non si può più servire Dio e Mammona come Gesù dice nel Vangelo, scegli da che parte stare e scegli Dio se non vuoi perire nella dannazione eterna.
Dio ci benedica

Pubblicato da Daniele Logoluso

Blogger, Musicista, Direttore di Spirito di Verità TV

11 pensieri riguardo “Questa è la Guerra non una guerra

  1. Caro Daniele, viviamo tempi molto duri e poveri di valori. Purtroppo ciò che hai descritto è pura verità. Confidiamo nel nostro Padre e Creatore e nella Mamma Celeste che Vincerà e Trionferà.

  2. Ciao Daniele, scusa se scrivo qui, stavo guardando il tuo ultimo video do oggi, ma è sparito da youtube.. ti risulta?? Saluti

  3. Spero che il Signore Gesù torni presto assieme alla nostra dolcissima mamma Vergine Maria.questo mondo non mi piace non è per me

  4. Quello che deve preoccupare e’ che solo una minoranza se ne rende conto, i piu’ sono felici di difendersi con le restrizioni imposte e con l’omologazio ne delle idee. La preghiera e’sicuramente il mezzo piu’efficace per non farsi travolgere dalla nullita’ collettiva e contagiosa. Il Signore, comunque sa benissimo di chi si puo’fidare:il fariseismo attuale e’dilagante, ma non riuscira’ mai a distruggere le cosiddette ‘pietre d’ angolo’!.

  5. Totalmente d’accordo su quanto hai scritto. Siamo comunque nelle mani del Signore e spesso mi ripeto: “Quali mani migliori?”… Mi fido di LUI ma vedo, osservo e sento… c’è da tremare sotto tanti aspetti, dobbiamo pregare tanto, come diceva Padre Pio usiamo la nostra arma migliore per combattere il male, il Santo Rosario 🙏

  6. Ciao Daniele, purtroppo nulla d’aggiungere, anche se molti cristiani, iniziano a sentire odore di bruciato. Comunque è una sensazione che senti dentro, ti basta guardarti intorno, a prescindere da covid. Solo i ciechi non si rendono conto, che oltre la libertà negata, abbiamo un vera esplosione di violenza, senza senso molte volte. Per non parlare di guerre, terremoti, di cui quasi tutti i tg fanno completa scena muta! Sono d’accordo con te per la preghiera, il Rosario, all’interno di questa Chiesa, che i.massoni hanno praticamente preso in mano. Ma son convinto che il metodo di San Francesco, sia quello giusto da usare, e non temere nulla perché, la misera vittoria del diavolo in questi tempi, ha comunque raggiunto l’ultima parte del suo maligno viaggio. Continua così Daniele, dobbiamo tutti unirci in una preghiera continua, digiuni e molti Rosari.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: